Archivio per dicembre, 2013

Epifania 2014

Posted in Dove Cantiamo with tags on dicembre 27, 2013 by Giorgio Vianini

20131227-093617.jpg

20131227-093626.jpg

Annunci

S.Maria delle Grazie – Milano

Posted in Galleria Fotografica, Varie with tags on dicembre 27, 2013 by Giorgio Vianini

20131227-093449.jpg

S. Messa in San Faustino, Quartiere Ortica, Milano, It.

Posted in Galleria Fotografica on dicembre 25, 2013 by Giorgio Vianini

1538714_255085041313420_1666225955_n 1455869_255084427980148_1557124916_n

In un serrato dialogo

Posted in Varie on dicembre 2, 2013 by Giorgio Vianini

DSC_4346

In un serrato dialogo tra Organo e Canto Gregoriano, in perfetta unità di intenti e di condivisione musicale, ieri a Villasanta si è compiuto in sintesi un cammino che abbraccia l’intero anno liturgico nei suoi tempi più forti e significativi.
Il canto proposto dalla Schola gregoriana Mediolanensis induce da subito al raccoglimento e alla consapevolezza di essere eletti ascoltatori, ma allo stesso tempo attori di una proposta di meditazione di altissimo valore spirituale e culturale.
Sulle note finali del canto prende il via l’organo di Oreni che parte dal tema cantato e varia, sonda, svia, approfondisce, dilata, enfatizza, solca, sconfina in nuove armonie pur sempre legate al tema del brano proposto dal coro maschile diretto con competenza ed equilibratissimo gesto dal maestro Giovanni Vianini.
L’impressione è di immergersi in un unicuum, come in un fiume, come in un flusso meraviglioso in cui galleggiano, volano, saltellano, incedono particelle di materia che hanno il carattere dell’esattezza, della perfezione in una continua e sempre rinnovata creatività.
E’ come un’unica voce che è voce inaudita e pura che contiene l’umano e il divino. E’ voce di uomo, di donna, di agnello, leone o tigre, di ape o fanciullo…
La compostezza leggera e solenne al tempo stesso del canto è garanzia, è sicura scansione della vita dell’uomo, del fedele, è griglia rituale che dà senso allo scorrere dei giorni.
In ragione di questa certezza che gli exempla gregoriani rappresentano, ecco che può esistere l’esplorazione dell’organo, i suoi mezzi sono esorbitanti, è lo strumento che abbraccia e coglie più di ogni altro la grandezza del cosmo.
La forza che sprigiona opera vibrazioni non solo acustiche, ma a livello molto profondo dell’anima, l’espansione del suono o il suo trattenerlo, la ricca gamma dei registri, l’improvvisazione che genera ulteriori possibilità melodiche, l’opzione fulminea di sintesi delle stesse, tutto induce a pensare al “FIAT” che aveva già tutto in sé, all’atto cioè creativo di Dio. Il dialogo intelligente e caritatevole di ieri si è svolto in un tempo fuori dal tempo: un’esperienza di eternità.
Ad un orecchio sensibile musicalmente, ma anche spiritualmente, non possono essere sfuggite quelle citazioni operate dall’organo che sempre dal brano gregoriano prendevano spunto, e che indugiavano sui vari misteri della fede cantati,   evocando anche immagini visive di lingue di fuoco Pentecostali, o cornamuse natalizie accoglienti come la paglia su cui giace Gesù bambino, fino alle impalpabili suggestioni che rimandano all’al di là dopo il toccante canto del requiem.
Dopo il concerto di ieri a Villasanta, mi piace immaginare che tra le sfere celesti sia plausibile che convivano, si alternino e si muovano armonicamente antifone cantate da Giovanni Vianini,  introiti, inni, un cantus firmus suonato dalla pedaliera, accordi pieni o spezzati, fughe e tutto ciò che si possa inventare di bello ed edificante, che attinga all’antico proiettandosi nel futuro! Proprio come è avvenuto domenica 1 Dicembre a Villasanta nella chiesa di S.Anastasia.
Ciao!!
PP

Le immagini di Villasanta

Posted in Galleria Fotografica on dicembre 1, 2013 by Giorgio Vianini

883484_248946228593968_1485666565_o 1398987_248946071927317_939325660_o 887074_248945971927327_1625384707_o 1484008_248946341927290_931472846_o

Villasanta Domenica 1 Dicembre 2013, ore 18, Messa in Canto Ambrosiano, preceduta dal Vespro d’Organo e Canto Gregoriano. SCHOLA GREGORIANA MEDIOLANENSIS, dir. Giovanni Vianini, Organo Paolo Oreni.